LE QUATTRO GIORNATE DEL CINEMA DI NAPOLI 2013

21 ott 2013

Da domani 22 Ottobre  fino al 27 Ottobre 2013, a Napoli, si terrà il festival “le 4 giornate del cinema di Napoli”, evento cinematografico che tenta di rispondere alla domanda di attenzione che gli autori di cinema pongono da tempo, con l’obiettivo di costruire una rete di professionisti dell’audiovisivo contemporaneo, televisivo,cinematografico e telematico.

Il festival si articolerà in 7 sezioni(lungometraggi, sceneggiature per cinema, e tv, documentari, cortometraggi, serie web, videoclip,animazione). Per la sceneggiatura che risulterà vincitrice, da ambientarsi nella città di Napoli, saranno messi a disposizione i mezzi economici per la realizzazione attingendo anche alle professionalità emerse nei vari settori dei concorsi del festival. Sono pervenuti in totale 800 lavori.

L’inaugurazione arriverà al teatro Mercandante il 22 Ottobre, mentre le proiezioni saranno ospitate nel cinema Filangieri, Modernissimo, America Metropolitan, Astra. Saranno altresi cointeressati spazi multimediali come il Pan, il Blu di Prussia e il Mav di Ercolano.

Ecco il Programma:

Martedì 22 ottobre Ore 18.00-20.00: Inaugurazione presso il Teatro Mecadante Ore 21.00-23.00: Lungometraggio – Teatro Mercadante

Mercoledì 23 ottobre Mattina: Master Class – Antonio Capuano Ore 15.00-16.00: Master Class – Giovanni Veronesi Ore 16.00-18.00: Convegno – Animazione Ore 16.00-18.00: Animazione – Cinema Modernissimo Ore 17.00-21.00: Rassegna Moveie/Book – MAV Ercolano Ore 18.00-20.00: Animazione – Cinema Modernissimo Ore 21.00-23.00: Lungometraggio – Cinema Filangieri

Giovedì 24 ottobre MAttina: Incontro con Valerio Caprara Ore 16.00-18.00: Documentari – Cinema Astra Ore 16.00-18.00: Serie Web – PAN Ore 17.00-21.00: Rassegna Moveie/Book – MAV Ercolano Ore 18.00-24.00: Documentari – Cinema Astra Ore 18.00-24.00: Serie Web – PAN Ore 18.00-24.00: Documentari – Cinema Astra Ore 21.00-23.00: Lungometraggio – Cinema America

Venerdì 25 ottobre Mattina: Incontro con Mario Sesti Ore 15.00-16.00: Cortometraggi – Cinema La Perla Ore 17.00-21.00: Rassegna Moveie/Book – MAV Ercolano Ore 18.00-20.00: Cortometraggi – Cinema La Perla Ore 20.00-24.00: Documentari – Cinema Astra Ore 21.00-23.00: Lungometraggio – Cinema Metropolitan

Sabato 26 ottobre Mattina: Convegno sui temi della Produzione Ore 16.00-18.00: Sceneggiature – PAN Ore 16.00-18.00: Proiezione speciale “Il Grande Alberto” – Ble di Prussia Ore 17.00-21.00: Rassegna Moveie/Book – MAV Ercolano Ore 18.00-20.00: Sceneggiature – PAN Ore 20.00-24.00: Videoclip – Teatro Posillipo Ore 21.00-23.00: Lungometraggio – Ble di Prussia

Domenica 27 ottobre Ore 16.00-18.00: Master Class, Rossella Izzo – PAN Ore 16.00-18.00: Lungometraggio – Teatro Mercadante Ore 18.00-20.00: Lungometraggio – Teatro Mercadante Ore 21.00-23.00: Premiazione – Teatro Mercadante

ESTATE 2013 A NAPOLI : EVENTI, MOSTRE E SPETTACOLI.

29 lug 2013

Anche quest’anno il Comune di Napoli ha organizzato il palinsesto degli eventi estivi, che già dal 19 Luglio sono in corso, e si terranno fino al 30 Settembre.
Un’ offerta variegata : spettacoli teatrali, concerti, eventi sportivi, cabaret, rassegne culturali, mostre, cinema, gite alla scoperta dei parchi più bella della nostra città… Insomma non manca proprio niente!
Un’opportunità per chi resta in città e anche per i turisti, di scoprire la vera Napoli, andando oltre gli stereotipi ed i pregiudizi, scoprendo le radici di una metropoli in continua evoluzione, che ogni giorno si mobilita e si migliora, nonostante le poche risorse.

Napoli è una città ricca di cultura, una cultura che non si riscontra soltanto nel nostro patrimonio artistico-culturale, nelle nostre chiese, nei nostri musei, ma una cultura popolare, che si ritrova nei vicoli, dove passeggiando si sente improvvisamente l’odore del caffè, oppure mangiando una ” pizza a portafoglio” dalla vetrina, con pochi spiccioli.

La vera ricchezza di Napoli stà nella grinta che hanno i Napoletani che ogni giorno si inventano qualcosa pur di andare avanti.

Fantasia, passione, grinta:  è questo che accomuna i Napoletani.

Un insieme di eventi che permetteranno a noi Napoletani di riscoprire e di conoscere a fondo le nostre stesse radici, ma allo stesso tempo, di sorprendere i Turisti, mostrandogli tutti i  colori di Napoli e le sue sfumature.

Inizialmente infatti, l’obiettivo dell’iniziativa, era  di rendere più piacevole la permanenza in città dei Napoletani che non avevano la possibilità di andare in vacanza, ma negli scorsi anni, gli eventi hanno riscontrato una buona partecipazione anche da parte dei Turisti, affermandosi come una manifestazione positiva da tutti i punti di vista.

Gli eventi si svolgeranno nelle sedi e nei parchi più prestigiosi della città : Dal Palazzo delle Arti di Napoli ( PAN ), La mostra d’Oltremare, Complesso di San Domenico Maggiore, L’orto Botanico,Maschio Angioino, Galleria Principe e tanti altri.

Per conoscere il calendario completo degli eventi potete consultare il sito :

http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/22223

Rifiuti e Abbandono a Monte Echia

01 lug 2013

Napoli: Pizzofalcone, nucleo primigenito della città di Napoli, si trova nella morsa dell’incuria e del degrado. Da un lato, i lavori bloccati da tempo dall’ascensore di Monte Echia. Dall’altro, i cumuli di rifiuti che aumentano giorno dopo giorno sulle rovine della villa romana di Lucullo.

Eppure la collina di Pizzofalcone, abitata dai coloni ellenici già nel VIII secolo A.C., era il cuore di Partenope , centro sorto in onore della sirena che la leggenda volle approdata sull’isolotto di Megaride, dove oggi c’è Castel dell’ Ovo. Solo successivamente l’insediamento cadde in declino e venne fondata, più in basso, la zona urbana di Neapolis, mentre quella antica fu ribattezzata Palepolis, città vecchia.

Paleopoli è oggi un ricettacolo di erbacce e cartacce, dimenticato spesso e volentieri dai cittadini Napoletani. Ma non da tutti, come dimostra un evento che si terrà oggi, 1 Luglio alle ore 19, organizzato da Pasquale della Monaco, artista che da sette anni si batte sulle sorti di Pizzofalcone.

Per l’occasione, nel luglio ripulito, sarà offerta pizza fritta dalla Pizzeria Oliva, tanta musica popolare, musica Napoletana a plettro e incursioni teatrali futuriste con Eduardo Esposito e gli attori della Compagnia Vulcano Metropolitano.

FESTA DELLA REPUBBLICA ITALIANA

02 giu 2013

<< La Costituzione è il fondamento della Repubblica. Se cade dal cuore del popolo, se non è rispettata dalle autorità politiche, se non è difesa dal governo e dal Parlamento, se è manomessa dai partiti verrà a mancare il terreno sodo sul quale sono fabbricate le nostre istituzioni e ancorate le nostre libertà >>

Luigi Sturzo

Sperando che gli Italiano possano ritrovare di nuovo la fiducia nelle istituzioni politiche auguro a tutti voi :

BUONA FESTA DELLA REPUBBLICA.

ATTRAVERSO NAPOLI… MAGGIO DEI MONUMENTI 2013

06 mag 2013

Un mese di eventi dal 4 maggio al 2 giugno per riscoprire Napoli e le sue bellezze attraverso visite guidate e aperture straordinarie dei luoghi meno frequentati e conosciuti dai turisti.

E’ l’edizione 2013 del Maggio dei Monumenti che quest’anno andrà alla scoperta dei percorsi di arte,storia,musica e letteratura “attraverso Napoli”:sarà questo il filo conduttore di percorsi studiati dall’assessorato al turismo e alla cultura del Comune.Oltre 100 tra chiostri,sagrati e cortili,saranno a disposizione dei turisti,non solo per le visite, ma anche per concerti ed eventi che si svolgeranno in particolare nel fine settimana.

Molto originale anche le 40 visite guidate che riguarderanno le stazioni dell’arte della nuova metropolitana cittadina,organizzate in collaborazione con Metronapoli. Tra i luoghi da scoprire ci saranno anche cortili e giardini di Palazzo Reale,Castel Nuovo e spazi meno noti come Palazzo Filomarino, il Chiostrino della Certosa,Palazzo Gravina,il Conservatorio dello Spirito Santo.

Proprio in occasione del Maggio dei Monumenti,poi si inaugurano le celebrazioni per il settimo centenario della nascita di Boccaccio,con lettere del Decameron nei luoghi che il poeta e scrittore fiorentino ha conosciuto e frequentato.

Musica e canzone napoletana invece saranno il filo conduttore del secondo percorso tematico che si intreccia con la mostra per i 50 anni della RAI di Napoli.Il programma del Maggio dei Monumenti 2013 prevede anche 25 mostre stabili e 76 eventi di spettacoli e concerti all’archivio di Stato,al Museo Filangieri,alla Cappella del Vasari.Un impegno enorme realizzato a costo zero per il Comune di Napoli e reso possibile grazie al coinvolgimento di tante associazioni culturali.Ci si aspetta che sulla scia degli altri eventi Napoli accoglierà un gran numero di turisti,anche per una ripresa economica.

Si prevede una grande affluenza di turisti, questo significa che ci sarà molto da lavorare per alberghi, ristoranti, taxi, noleggio pullman e musei.

CONVEGNO “CAREGIVER: HIV E SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE”

19 apr 2013

Si è tenuto a Napoli, presso il Renaissance Naples Hotel Mediterraneo, il primo convegno informativo organizzato dall’Arci Napoli di Mariano Anniciello.
Il convegno era rivolto in prima linea agli operatori del settore quali medici, psicologi, infermieri, volontari, assistenti sociali e del terzo settore.
Il convegno si è svolto in due tempi.
Nel primo i relatori chiamati a intervenire hanno introdotto in maniera più o meno approfondita le nuove scoperte e cure per trattare l’HIV, l’aumento dei casi e il rifiuto di ricevere aiuto da gran parte parte dei malati.
Un primo momento molto utile per chi stava iniziando a sottovalutare la necessità di informazione a riguardo.
Tanti gli operatori presenti al convegno; giornalisti, psicologi, tanti gli studenti interessati all’argomento trattato e tante le domande poste ai relatori.

Vi riportiamo alcune delle domande poste e i relativi chiarimenti da parte dei relatori, tra cui:

Dott. Mariano Anniciello – Presidente Arci Napoli
Prof. Giuseppe Nardini – U.O.C. Psichiatria per l’Integrazione degli Interventi di Cura Ospedale Cotugno
Prof. Giuseppe Bonadies – Dipartimento assistenziale di malattie infettive e medicina legale AOU Federico II
Dott.ssa Margherita D’Errico – Presidente NPS
Dott. Vincenzo De Falco – Presidente Associazione VOLA
Moderatore: Luca Mattiucci – Direttore di Comunicare il sociale
Fabrizio Sorbara – ArciGay Napoli

queste alcune delle domande:

– Partendo dal frequente rifiuto dei malati di ricevere cure e attenzioni. è più grave rifiutare la cura sin dall’inizio o interromperla?
– Grave in entrambi i casi, è una malattia che va curata sin dal principio. ma dovendo confrontare è molto più grave interrompere la cura. Significa che non c’era motivazione nel farsi seguire. E’ importante essere coscienti del problema e positivi nel volersi far aiutare.

– Quali sono i sintomi o i segni che si mostrano durante la malattia?
– Dipende dallo stadio. Sommariamente ne sono due. Nello stadio più avanzato i sintomi sono simili a quelli influenzali, anche se più duraturi di una semplice influenza. Nel secondo caso i sintomi sono molto lievi, quasi impercettibili per molti anni. E’ infatti consigliabile fare un controllo attraverso semplici analisi del sangue almeno una volta all’anno, poiché i segni si mostrano nello stadio più avanzato, quando ormai la malattia si è diffusa.

– Qual è la durata media della vita del malato di HIV oggi?
– Grazie alle cure e alle nuove scoperte la vita dei malati si è allungata di molto, alcune persone riescono a conviverci anche per quaranta anni.

TRADIZIONI E RITI GRASTRONOMICI DELLA PASQUA NAPOLETANA

29 mar 2013

La Pasqua è una delle maggiori festività del calendario liturgico della Chiesa Cattolica, si festeggia secondo le scritture la Risurrezione di Gesù di Nazareth, avvenuta tre giorni dopo la sua crocifissione. Questa festa dunque, è molto sentita in tutti Paesi fortementi cattolici, in Italia si festeggia in diversi modi, a seconda delle tradizioni regionali. La settimana Santa Napoletana, è scandita da diversi riti liturgici: si parte col regalare rametti di ulivo, nella domenica delle palme, in segno di pace, segue poi lo ” Struscio” ovvero lunghe passeggiate a piedi, per visitare diversi sepolcri o chiese ( almeno 7 secondo la tradizione), seguono le processioni del venerdì santo, fino alla Domenica della Risurrezione di Gesù. La settimana Santa, è (come sempre a Napoli) accompagnata da diversi riti gastronomici che scandiscono precisamente il trascorrere dei giorni.

Tradizione vuole che il giovedì santo il menù della sera sia tutto a base di pesce, in particolare noi partenopei usiamo fare la zuppa di cozze , la coseditta ” Zuppa è cozzecche” accompagnata con crostini di pane.
Il venerdì santo, si dovrebbe seguire un rigoroso digiuno, che quasi mai viene rispettato, di solito si tende a magiare più leggero. Solitamente però questo giorno viene dedicato alla preparazione della Pastiera, dolce tipicamente Napoletano.La pastiera napoletana è uno dei dolci di Pasqua senza tempo e le sue origini si perdono nelle enormi sfumature della tradizione gastronomica partenopea. Tradizionalmente si preparano pastiere, per poi regalarle o scambiarle con i proprio cari.
Il sabato è scandito dalla preparazione del famoso ” Casatiello” ripieno di formaggi, salumi, ed uova, si mangia solitamente la sera del sabato e si conserva per portarne una parte con sè, nella gita fuori casa del Lunedì.
La domenica Pasquale, è caratterizzata da un menù ricco, che prevede : Brodo di gallina e minestra, agnello stufato con uova e piselli, carciofi bolliti, e per finire la famosa ” Fellata” un misto di salumi, formaggi e uova sode.
Non è un caso che simbolo e protagonista indiscusso della Pasqua, è l’ uovo. Le uova di cioccolato infatti vengono regalate ai bambini, ma oltre a ciò, tutte le ricette gastronomiche pasquali prevedono sempre una abbondante presenza di uova, proprio perchè questo è considerato il simbolo della vita che si rinnova.
Adesso non ci resta che assapporare tutte queste meravigliose delizie gastronomiche… e colgo l’occasione per augurare buona Pasqua a tutti voi !!!

NAPOLI. MUST BE THE PLACE…

10 set 2012

Che bello che Paolo Sorrentino apra il suo ultimo film facendo dire a Sean Penn che il migliore caffè del mondo si beve a Napoli.

Certo non è che lo dico solo per il fatto che ne condivida il giudizio sul nostro caffè. E’ piuttosto che ho idea che quando ami il caffè della tua terra ne ami i sapori, lo spirito, i ricordi che ti si sono radicati dentro gli angoli più profondi dell’anima. E hai il carattere per farlo presente anche se fai un film con un cast internazionale.

Ricordo che in Grecia erano orgogliosissimi del loro caffè. Arrivato in Turchia, non c’era turco che non amava il proprio caffè, detestando quello greco. Personalmente non mi faceva impazzire né l’uno né l’altro. Amo il caffè napoletano.

E’ che quando, tanto per fare un esempio,  “fai il bagno a Posillipo”, in mezzo a tanta storia e bellezza e poi prendi il caffè c’è qualcosa che lo rende speciale e ti apparterrà per sempre perché entra nelle tue radici. Il caffè napoletano, nero come la notte, caldo come l’inferno, dolce come l’amore.

Must be the place è un bel film. Direi più simile al Sorrentino romanziere che al Sorrentino regista. Ma per questo assai vicino a Napoli.

Amo la mia città, anche se troppo spesso disperatamente violenta. Ma “la violenza è ovunque, anche se non si fa vedere”, parola di Paolo Sorrentino. Quindi che dire Napoli, deve essere questo il posto…

CENTO CHIESE IN COMODATO D’USO.

01 mar 2011

Il patrimonio artistico di Napoli è sterminato, meraviglioso, spesso non fruibile. Molte architetture stupende appartengono a chiese chiuse dal terremoto del 1980.

Oggi, però, a dare linfa a una nuova speranza di riapertura è il cardinale di Napoli Crescenzio Sepe con il Giubileo indetto per la rinascita cittadina. Oltre cento chiese offerte in comodato d’uso a quanti volessero restaurarle e aprirle al pubblico con attività socio culturali: questa la proposta del Cardinale per il mese di marzo dedicato alla cultura, nell’ambito giubilare.

Semplice ed efficace la proposta di Sepe: adottare una chiesa chiusa, recuperarla e offrirla alla gente con attività artistiche, sociali, di formazione, laboratori teatrali. Gli edifici utilizzabili secondo la Curia sarebbero oltre cento se non duecento e rientrano nel patrimonio della diocesi e delle arciconfraternite. A sostenere questa iniziativa ci sono anche la Soprintendenza e la facoltà di Architettura dell’Università Federico II.

Le chiese saranno concesse in comodato d’uso per alcuni anni a coloro che le riapriranno. Non sono ancora chiari i tempi e i modi del recupero delle chiese ma sicuramente i progetti saranno seguiti sia dalla diocesi che dalla Soprintendenza.

Questa iniziativa, importante e coraggiosa, è davvero un atto significativo per Napoli e il suo meraviglioso patrimonio.

CHIATTILLO CHI?

24 feb 2011

La movida napoletana è, per così dire,  strutturata per idealtipi.

Tradizionalmente il Centro Storico è la terra degli Alternativi, così come Vomero o Chiaia quella dei Chiattilli.
Il chiattillo veste alla moda comprando nei migliori negozi della città, di soliti i suoi acquisti li fa il sabato per poi indossarli la sera per andare a ballare.

Un tempo con Urrà Television pensammo ad un video che faceva l’identikit dell’alternativo, del chiattillo, e così via…

Quello che segue è il Chiattillo Napoletano DOCG. Dategli uno sguardo :)